Vespero sui Monti Lessini

Risalgo la vecchia strada militare nella luce calante. Le mucche si radunano intorno alla malga come gli ultimi viandanti scendono a valle con passo lesto. Quando mi fermo, odo il richiamo di un uccello sconosciuto soffocato dai rumori che io stesso provoco con il mio incedere appena mi rimetto in movimento: il ticchettio dei bastoncini sulla terra battuta; il fruscio dei tessuti; il respiro; il sangue che circola nelle orecchie. Concentrarmi sul ritmo del passo svuota la mente di ogni pensiero. Sono in cima. Non mi fermo al rifugio ancora aperto; non è di cibo o di compagnia che sono venuto in cerca stasera. Il sole avanza lentamente a ovest. Mi siedo su una pietra. Bevo un sorso d’acqua, non perché abbia sete, ma perché non mi bastano la vista e l’udito. Mi guardo intorno e assieme all’acqua bevo la luce che mi inonda: cime brulle, pascoli bruciati, foreste oscure, piccoli borghi e case isolate a mezza costa. Un temporale si sta formando a occidente, ma non ha la faccia cattiva. Il tempo passa e non ne ho mai abbastanza, nonostante l’aria che mi strina la faccia e le mani. Forse stare qui è l’unica preghiera che io conosco.

IMG_5009

IMG_5014

IMG_5026

IMG_5059

IMG_5061

IMG_5066

IMG_5071

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mototurismo, Turismo, Viaggi, Viaggi in moto e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...